ULTRADISCRIMINATI

Scritto il 6th settembre, 2008 Autore: admin.
Categorie: news, Tematiche ultras. Letto 786

e se fosse stato tutto premeditato? Qualche carrozza di un vecchio treno distrutta e 60 mila euro di danni ai fatiscenti pullman dell’Atac. Alla vigilia di Roma-Napoli, ci avrei messo la firma. Perché secondo me domenica non è successo proprio niente, soprattutto se penso a quello che poteva succedere.

In questa prima settimana di settembre l’italietta dei mestieranti si è scatenata. E a leggere le dichiarazioni e le decisioni che si sono susseguite in queste ore, c’è solo da ridere. Ieri il Ministro dell’Interno Maroni ha deciso che le trasferte dei tifosi del Napoli sono già finite.
Decisione che ci può anche stare, ma se si considera che nella scorsa stagione le partite esterne vietate ai partenopei furono 9 sulle 19 previste, non si tratta certo di una novità.

CAMORRA? – La novità invece è stata quella di vendere i biglietti per la trasferta di Roma, cosa invece vietata lo scorso anno. Cosa è successo allora in meno dodici mesi? Le due tifoserie – tra le più violente in Italia – si sono per caso di nuovo gemellate come negli anni Ottanta? Tutt’altro: perché a maggio romanisti e napoletani vennero a contatto in un autogrill a Montepulciano (ricorderete le immagini dell’assalto al pullman riprese da una telecamera fissa) e nelle prime uscite stagionali delle due squadre, con il Panionios al San Paolo i partenopei e a San Siro i romanisti in Supercoppa, le frange più estreme del tifo se le sono promesse con tanto di striscioni piuttosto espliciti. Dov’è allora il lavoro di intelligence? E soprattutto come è possibile che la scorsa settimana c’erano i presupposti per la trasferta, mentre solo da 24 ore il capo della Polizia Antonio Manganelli parla di camorra coinvolta negli scontri? Tutto questo è semplicemente ridicolo, anche perché scontri, nel vero senso della parola (o di quelli che siamo abituati a vedere negli stadi), non ce ne sono stati.

FERROVIERI O… GELATAI? – È bene sottolineare che a dare il via libera alla trasferta dei napoletani è stato il Casms (comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive), un organo insediato a Ferragosto proprio da Maroni. Alla vigilia della settimana i gruppi partenopei avevano invitato tutti i tifosi del Napoli a raggiungere Roma solamente con il treno, proprio per evitare contatti con la tifoseria avversaria. Trenitalia, nonostante l’alto numero di biglietti venduti, non è riuscita a organizzare un convoglio adeguato, anzi per tutta risposta, attraverso un comunicato ufficiale, ha invitato i tifosi a raggiungere la Capitale con un mezzo alternativo: roba da non credere. È come se io avessi un carretto di gelati e invitassi con un cartello i clienti ad andare al bar perché non ho voglia di riempire coppette. A rimetterci il posto alla fine sarà probabilmente il nuovo questore di Napoli, Antonino Puglisi, forse caduto in una trappola politica. Indimenticabili le dichiarazioni di Ignazio La Russa, il ministro della Difesa (mica uno qualunque), che prima ha parlato di “legami con la camorra come alibi per gli incompetenti” per poi rimangiarsi tutto quando ha saputo che a pronunciare quelle frasi era stato il Capo della Polizia.

WALTER & BOBO, CHE (AUTO)GOLASSI! – Da leggenda comunque il suo: “Non solo Daspo (il divieto di accedere alle manifestazioni sportive, ndn), a quei tifosi non farei vedere il calcio neanche in tv“. Fantastico, dovrebbe però pensare a dei moduli per chiedere la restituzione dei soldi del canone Rai. Da mettere nell’archivio delle parole memorabili anche il nuovo slogan di Veltroni, coniato solo due giorni fa e già scaduto: “Forti con gli immigrati che non votano, deboli con gli ultras violenti che votano“. Proprio ieri, infatti, Fini ha accolto la sua proposta di concedere il voto amministrativo ai cittadini immigrati. Ora ci lavoreranno insieme. L’ultima è per Maroni, imbufalito con la magistratura per le scarcerazioni facili. Una tra le sei persone rilasciate era stata fermata per resistenza a pubblico ufficiale, lo stesso reato per il quale il Ministro dell’Interno è stato condannato dalla Cassazione a 4 anni e 2 mesi. Insomma, Maroni si sarebbe messo dentro e avrebbe buttato la chiave.

Be Sociable, Share!

1 commento.

Articoli Correlati

H69

Commento on settembre 7th, 2008. MyAvatars 0.2

SARA’ MICA GIUNTO IL MOMENTO DI VOLTARE PAGINA DA PARTE DELLE CURVE E METTERLO NEL CULO DI QUESTI ESSERI VOMITEVOLI?
UTOPIA PROBABILMENTE, VISTO CHE HANNO GIA’ AVVELENATO L’AMBIENTE CON UNA FACILITA’ IRRISORIA. BASTARDI!!!
BELL’ARTICOLO WEB.

Lascia un commento

I Commenti possono contenere anche codice xhtml. Sono richiesti nome ed Email (l'email non apparirà), L'URL è opzionale


Nome


TOP100ADD.COM - ADD YOUR SITE, BOOST YOUR TRAFFIC. Add to Technorati Favorites TopOfBlogs