Tormenti farà fallire la Samb?

Scritto il 26th marzo, 2009 Autore: admin.
Categorie: news, Samb. Letto 728

La Samb Siamo Noi

Non verranno più pagatigli stipendi e le trasferte. Se così fosse scatterebbe la penalizzazione di punti

Tormenti: ho chiuso con questa Samb
“Ora vada come vada. Non iscriveremo la squadra a nessun torneo professionistico”

“La famiglia Tormenti, pur restandone l’unica proprietaria, da oggi in poi si disinteresserà totalmente della gestione della Samb. Non abbiamo più intenzione di gettare il nostro denaro in un’impresa che ha scaraventato le nostre famiglie in un vortice insensato di insulti e, cosa ancor più grave, di continua apprensione per l’incolumità personale. Non sborseremo più alcun euro nella gestione della società, per nessun motivo. Dichiariamo, quindi, che alla fine di questo campionato, quale che sia il risultato sportivo – mantenimento della categoria o retrocessione – non iscriveremo la squadra ad alcun campionato professionistico”.

E’ la clamorosa decisione maturata ieri dal presidente della Samb Giovanni Tormenti che, nel corso di una conferenza stampa, ha letto un comunicato nel quale vi era scritto che abbandonava la gestione del club rossoblù. Senza che nessuno potesse porre qualche domanda, il massimo esponente della Samb si è alzato e se ne è andato, lasciando sconcertato il sindaco Giovanni Gaspari che pure era stato invitato con tanto di telegramma alla conferenza stampa e che quindi non è stato trattato proprio da ospite. Tra l’altro la meraviglia del primo cittadino sambenedettese è stata ancora più forte perché, come ha rivelato agli organi di informazione, nella mattinata aveva incontrato il responsabile marketing Marcello Tormenti per parlare della realizzazione di un campo in erba sintetica al “Merlini” ed in generale del futuro, senza alcun accenno a quello che poi ha annunciato il presidente Giovanni Tormenti nel pomeriggio.

Diciamolo subito: peggiore decisione non potevano prendere i Tormenti. Così ora, lo ha dichiarato il presidente, non veranno più pagate le trasferte e gli stipendi ai giocatori e non verranno più onorate tutte quelle scadenze poste dalla Lega per le quali, se non rispettate, la Samb potrà subire penalizzazioni di punti.

Insomma proprio un bel modo di stare vicino alla squadra nel momento in cui ne ha più bisogno! E, soprattutto, che amore da presidente nei confronti della Samb! Che dire: troppo comodo mollare tutto nel momento più difficile. Invece di tirare fuori tutto l’orgoglio per mettere la faccia fino in fondo e spendere tutte le energie per cercare di risollevare la delicata situazione di classifica in cui è precipitata la squadra, gli attuali proprietari del club rossoblù abbandonano la “barca” in difficoltà.

D’altra parte forse Tormenti immaginava che la colpa dei tre anni di cattivi risultati della Samb, culminati ora nel concreto pericolo di retrocessione, fosse dei tifosi o della città? Errore: le responsabilità, è ovvio, sono di chi ha fatto le scelte che si sono rivelate quasi tutte sbagliate. Programmazioni sballate che hanno imboccato una china negativa fino all’attuale momento delicato. Quindi, caro presidente, se la prenda soprattutto con se stesso o magari con chi lo ha consigliato sicuramente male !

“Durante questi tre anni, in cui ci siamo prodigati con dedizione, sostenendo per intero l’onere finanziario, per la realizzazione di un programma, abbiamo assistito al progressivo defilarsi di tutti coloro ai quali ci siamo rivolti per ottenere una collaborazione costruttiva – dice ancora il presidente Tormenti nel comunicato – .

Il progetto Samb sarebbe decollato con successo solo attraverso l’azione sinergica delle componenti sociali della città. Ciò non è avvenuto. Prendiamo atto di non essere più graditi, forse non lo siamo mai stati. La città ha abbandonato la Samb molto prima che la squadra si trovasse nell’attuale situazione di classifica. A questo punto, con dolore e profondo rammarico, non ci resta che farci da parte”.

Dal Corriere Adriatico
Luca Bassotti

Be Sociable, Share!

non ci sono commenti.

Articoli Correlati

Lascia un commento

I Commenti possono contenere anche codice xhtml. Sono richiesti nome ed Email (l'email non apparirà), L'URL è opzionale


Nome


TOP100ADD.COM - ADD YOUR SITE, BOOST YOUR TRAFFIC. Add to Technorati Favorites TopOfBlogs